Ostacoli ai Diritti di Visita ed al Diritto del Minore alla Bigenitorialità

0
1741

Ostacoli ai diritti di visita ed al diritto del minore alla bigenitorialità
a cura di Giovanni Battista Camerini, Maria Rosa Gaudio, Davide Roncali- p. 89 – Linee Guida per la Valutazione del Danno alla Persona in Ambito Civilistico (2016, Giuffré)

Qualora il coinvolgimento del minore nel conflitto familiare (in un contesto di separazione dei genitori: nel DSM-5, “Disgregazione della famiglia a causa di separazione e divorzio” e/o “Alto livello di emozioni espresse all’interno della famiglia”) abbia determinato reazioni transitorie esse rientrano in una compromissione delle capacità di adattamento descritte in precedenza, eventualmente legate all’insorgenza di un Disturbo dell’Adattamento. Il DSM-5 inquadra tali reazioni, riconducibili all’”alienazione” di una figura genitoriale (che le Linee Guida in tema di abuso sul minore – SINPIA, 2007 – considerano come una forma di abuso psicologico), tra i Problemi Relazionali, e precisamente tra i “Problemi correlati all’allevamento dei figli”: “Problema relazionale genitore-bambino” oppure “Effetti negativi del disagio relazionale dei genitori sul bambino”. Quest’ ultima categoria deve essere utilizzata quando l’oggetto di attenzione clinica risiede negli effetti della discordia nella relazione genitoriale (alti livelli di conflitto o denigrazione ai danni di un genitore) su un bambino in famiglia e comprende gli effetti sul suo disturbo mentale.
Ove, in casi selezionati, le suddette reazioni assumano una spiccata valenza ansiosa (Disturbo d’ansia di separazione) e/o compromettano il funzionamento psicologico e sociale si potrà configurare un pregiudizio grave rispetto al processo di sviluppo, con possibile modificazione della personalità e conseguente danno biologico di natura psichica con carattere di permanenza. Il nucleo patogeno di queste condizioni è identificabile nel c.d. “conflitto di lealtà” che lega il bambino ad un genitore a discapito dell’altro e che rappresenta un importante fattore di rischio.